Top Panel
Giovedì, 22 Ottobre 2020

Il 2016 aveva già segnato un record di oltre 1.100 ore e 350 prestazioni.
Il 2017 risponde con un movimento di ben 1620 ore e 664 prestazioni.
Ma cosa ha reso possibile ciò?

Le persone sono meno diffidenti, hanno capito o stanno capendo, che una Banca del Tempo:
non è Volontariato;
non è Beneficienza;
non è Obbligatorietà;
non è Vendita;
non è un’agenzia del lavoro, ne concorrenza professionale;
non è una forma di Welfare disegnata sulla crisi.

Inoltre chiunque ha compreso che la condivisione non è altro che una ricchezza prima individuale, e dopo collettiva, ma se non fosse stata prima collettiva, chi avrebbe ricchezze individuali?
Ogni Banca del tempo ha una propria individualità, legata al territorio, alle esigenze dei soci, alla sua cultura. Ma sempre con lo stesso fine.

Nella nostra BDT, sempre di più si sta uniformando un concetto di aiuto reciproco nella quotidianità, che siano passaggi, attività, lezioni, aiuti anche solo per organizzare una festa, o per cedere prodotti agricoli, alla cultura del uso e riuso solidale, (come cita il mercatino del baratto del nostro coordinamento Provinciale), abbigliamento o oggettistica varia inutilizzata che altrimenti andrebbe in discarica.
Bisogna abolire l’idea che la BDT nasce per far fronte alla crisi economica degli ultimi anni. Non è vero, indipendentemente dal periodo dalle crisi, all'interno di una BDT, ogni socio “soggetto individuale” scambia in modo facoltativo e liberamente il proprio talento e le proprie competenze, per chiunque ne abbia bisogno. Ognuno arricchisce attraverso occasioni fornite da altri soci, il proprio tempo, intrattenimento, hobbistica, cultura, eventi e altro ancora. In questo pacchetto, non manca la relazione umana, alla base di ogni rapporto la fiducia, rispetto, amicizia, collaborazione, tutti uguali a tutti, senza distinguo alcuno, dove alleanze e collaborazioni creano e costruiscono un successo sociale senza precedenti. Grazie a tutti e buon 2018

 

siamo ormai prossimi ad un nuovo incontro del Coordinamento Lombardia ed è ora di inviarvi il volantino della iniziativa con qualche dettaglio in più sulla giornata. Come credo ricorderete la sede di Como è stata scelta perché la locale BdT, durante la sua tappa del Cammino di Lombardia, ha manifestato la voglia di festeggiare con tutti noi la ricorrenza del loro decimo anniversario. Vista l’occasione pubblica e festosa abbiamo deciso di impostare la giornata di lavoro in modo concreto, ma anche con uno sguardo “lungo” oltre al nostro mondo di banche del tempo. Oltre al racconto di 10 anni di banca del tempo, che vedrà anche la proiezione di un video e il lancio di un bando per le scuole, potremo assistere a un intermezzo musicale da parte di alcuni alunni dello Istituto Comprensivo Borgovico, a dimostrazione del lavoro che la BdT porta avanti proprio in quel mondo.Per maggiori dettagli clicca sul link in basso:

 

Attachments:
Download this file (volantino bdt 1 aprile def (1).pdf)Volantino Cammino Lombardo189 kB

COORDINAMENTO LOMBARDO il prossimo incontro di Coordinamento avverrà a Como e la data fissata, in collaborazione con l’amministrazione comunale è quella del giorno sabato 1 aprile. Come di consueto l’incontro si svilupperà dalle 9.30 alle 13.00 per poi pranzare assieme e nel pomeriggio fare un giro guidato per la città. Volantino e ordine del giorno preciso seguiranno. Possiamo però anticiparvi che, vista la ricorrenza dei 10 anni della locale BdT, all’incontro parteciperanno anche politici locali e persone “esterne”. Vista la platea abbiamo pensato di approfittare del lancio della nostra rete di scambi e di integrare la nostra forma di sostegno ai bisogni con un approfondimento sulle economie della condivisione e in particolare sulle social street invitando persone che le vivono/realizzano. SABATO 1 APRILE 2016 - PALAZZO COMUNALE, SALA DEGLI STEMMI IN VIA VITTORIO EMANUELE II, N° 97 - COMO

 

.

 

Sottocategorie